Dal Vangelo secondo Luca.   (Lc. 6,17.20-26)

Beati voi poveri … guai a voi ricchi

C’è chi singolarmente vive per la propria consolazione; ci sono anche molti che vivono pensando al proprio “prima noi”.

Il Signore non ci vuole tutti poveri semmai ci vorrebbe tutti ricchi, e il “dacci oggi il pane quotidiano”, che ci ha insegnato a pregare, vale per tutti, e il “Guai” ai ricchi, e noi nell’occidente ricco siamo tutti ricchi, è lo sdegno per la giustizia violata, sdegno per coloro che non vogliono nemmeno vedere accanto a sé il povero o nemmeno si accorgono di lui.  

Oggi si parla di accoglienza, spesso negata e disprezzata. “Sono forse io il custode di mio fratello?” rispondeva Caino a Dio che gli chiedeva di suo fratello Abele.

Certo Caino.

Per Levinas filosofo ebreo del secolo scorso in questa domanda, “sono forse io il custode di mio fratello?” che di fatto presuppone che l’altro non ci riguardi, troviamo l’origine della moralità e quindi dell’immoralità.

Buona domenica