VI DOMENICA  di Pasqua  ANNO C

Se uno mi ama, osserverà la mia parola …” (Gv.14,23-29)

Perché ascoltare e seguire la Parola di Dio?

… la mia tesi, afferma Singer, Università di Melbourne, è che venga accordato alla vita umana valore non più grande di quello della vita di un animale non-umano; ad un livello simile di capacità di sentire.  Ma c’è di più (sconcertante) perché in questa prospettiva il cerchio dell’etica non lascia fuori solo gli esseri umani incapaci di soffrire (incoscienti?), ma anche tutti quelli che sono solo capaci di soffrire: lasciarli vivere sarebbe un comportamento irresponsabile.

Non sono provocazioni, ma è il modo di leggere la vita dall’Etica Utilitaristica di Peter Singer.

Quello che disturba è l’affermazione, ragionata, di ridurre ad un “esercizio logico” il diritto alla vita e ad un tempo dimostrato, con sussulti logici, che feti e neonati, per esempio, non hanno lo stesso statuto morale di una persona, perché solo potenziali persone, il fatto che essi siano persone potenziali diventa moralmente irrilevante.

Simile illusione del pensiero, in un altro attualissimo campo, c’è quando si dice: prima noi! Anche questo pensare dire e comportarsi ha una logica … ma è facile il “naufragar” in questo mare.

Buona Domenica