II DOMENICA Di PASQUA – Anno C

Questi segni sono stati scritti in questo libro perché crediate che Gesù è il Cristo, il figlio di Dio, e perché credendo, abbiate la vita nel suo nome.”  (Gv.20,19-31)

I Vangeli scritti dalla testimonianza che vede Gesù parla di lui attraverso il prisma della fede, come ci riporta oggi Giovanni (perché crediate), non sono stati scritti quindi secondo le regole della “storicità” che si pretende oggi per la descrizione degli eventi; una seconda domanda che possiamo porci è se i testi che oggi abbiamo corrispondono ai testi originali o no. Diciamo che la seconda domanda si pone per ogni testo antico, anche per l’Eneide o il De bello Gallico etcc… in quanto i testi sono stati tramandati attraverso copie a volte anche diverse tra loro, fatte a mano su papiro tessile o su pergamena.     

Le copie che sono arrivate nel corso dei secoli, anche in frammenti, sono dette “codici” e i codici più antichi sono del primo e del secondo secolo dopo Cristo, spesso solo frammenti porzioni di papiro. Per quanto ci riguarda noi cristiani e la “storicità” i codici del Nuovo Testamento sono del secondo secolo, antichissimi, quindi molto vicini ai fatti, ai ricordi, ai primi testi scritti, se solo pensiamo ad esempio che i primi codici che abbiamo che riportano il “De bello Gallico” sono dell’anno mille.  

Per il primo punto sottolineiamo che i Vangeli lo sono certamente “storici”, nel senso in cui si afferma senza alcuna esitazione che “trasmettono fedelmente quanto Gesù Figlio di Dio, durante la sua vita tra gli uomini, effettivamente operò e insegnò” per la loro eterna salvezza, fino al giorno in cui fu assunto in cielo. (Costituzione Dei Verbum del Concilio Vaticano II, nn. 18 e 19)

Il di più non ci deve interessare a meno di non essere antropologi, teologi, ermeneutici, esegeti, filologi, traduttori etcc.. per cercare coerenze con la scienza dove invece la scienza deve fermarsi e lasciare spazio al mistero della presenza di Dio tra noi.

Buona domenica