Domenica XVII del T.O. anno c

“Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: “Signore insegnaci a pregare”…”  (Lc.11,1-13)

Questa domenica Gesù ci insegna a pregare e come già diceva un saggio del V secolo “La chiesa crede come prega”.

Certamente Gesù ci insegnava a pregare dicendo “prima i poveri” e non certo “prima di tutto noi” e ci ammoniva “ero forestiero e mi avete accolto” e non “Basta stranieri in casa nostra”.

Oggi non è facile vivere da cristiano nemmeno da prete e forse non lo è mai stato. Il malessere di tutta la Chiesa, per alcuni teologi, sta anche in un magistero che non sempre procede con chiarezza e persuasività in una comunità ecclesiale che ignorando o rifiutando il magistero procede alla soggettivazione della fede.  Oggi domina una cultura secolarizzata ingessata nella quotidianità che vive e si autoreferenzia di superficialità e oggi occorre prendere coscienza che non viene contestato il parroco o Papa Francesco, ma il Vangelo stesso e la Chiesa vuoi il magistero ordinato e di conseguenza noi stessi non sappiamo più come vivere e trasmettere la fede. I cristiani sono poco preoccupati di confrontare i propri giudizi con l’insegnamento del Vangelo.

Tutta la Chiesa attende un cambiamento per continuare a credere come Gesù ci ha insegnato a pregare, allora oggi preghiamo: “Signore insegnaci a pregare” perché non sappiamo più come credere, “La chiesa crede come prega”.

Buona domenica