Commento domenicale 11/09/2022

Pubblicato da Edoardo Amadio il

XXIV DOMENICA T.O. C

“Si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e peccatori per ascoltarlo ..Allora egli disse loro questa parabola: ”Chi di voi se ha cento pecore  e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto  e va dietro a quella perduta, finché non la ritrova?”   (Lc 15,1-32)

Noi non faticheremmo a rispondergli: “Nessuno di noi, Signore!”

Con le parabole Gesù intende spiegare l’alterità di Dio, il totalmente altro, Gesù è radicale nel dirci chi è Dio, a dirci che tra noi e lui ci sono cieli di distanza e noi possiamo solo intuire, comprendere il suo amore con empatia, con fede più che con il ragionamento: non possiamo ragionare sul “Perdonate settanta volte sette”, o “fate del bene a coloro che vi odiano…”

Vengono amplificate le storie fino a diventare assurde, una follia.

Un seminatore va a seminare e semina sui sassi nei rovi sulle strade … non ha nessun senso, solo Dio si comporta così, se vuoi  Dio lo incontri perché si fa trovare ovunque, c’è sempre qualcosa (un seme) che parla di lui; e qual è quel pastore che lascia le 99 pecore nel deserto (Matteo dirà nei monti) per andare non sa nemmeno lui dove, in cerca della pecorella smarrita? Il senso non è lasciare le 99 pecore al sicuro, ma che per il Signore anche l’ultimo peccatore (pecorella smarrita) è importante.

Vale la pena di rischiare tutto senza la certezza di trovare ciò che hai smarrito? Solo un folle oserebbe tanto.

Solo Dio si comporta così; il nostro Dio fa sorgere il sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. (Mt 5,45)

Anche noi possiamo smarrirci, ma di fronte al nostro fallimento il Signore ci cerca finché non ci trova e allora per noi basta …“lasciarci prendere sulle spalle”.  

Buona domenica

Categorie: Commenti domenicali

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.