Commento domenicale 11/10/2020

Pubblicato da Edoardo Amadio il

Domenica   XXVIII T.O. A

Andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze..”  (Mt. 22,1-14)

L’offerta del Signore oggi risuona per quegli strani personaggi che nessuno vorrebbe avere accanto durante un banchetto servito su bianchi lini e con portate raffinate, costoro sono quelli che Luca, nella redazione parallela della parabola, descrive come “poveri ciechi e zoppi” (Lc.14,21).

E’ tutto un mondo di poveri, di emarginati di esclusi che nel trascorrere del tempo non mancano mai “i poveri li avete sempre con voi” (Mc.14,6) e se il cristiano vuole essere alla sequela di Cristo deve saper condividere di buon grado la propria vita con costoro.

Luca racconta che all’appello del Signore ci sono molti rifiuti, indifferenza e fastidio, persino ostilità e disprezzo e oggi non è molto diverso e non serve ostentare rosari e baci a crocifissi o frequenza alle S.Messe, il profeta Osea è stato chiaro “Misericordia voglio non sacrifici”; non è più una trasgressione religiosa, quello che offende Dio, ma quello che offende l’uomo; per contro non è l’osservanza religiosa che onora Dio, ma la dignità che sappiamo dimostrare a ogni uomo.   

Buona domenica

Categorie: Commenti domenicali

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.