Commento domenicale 19/12/2021

Pubblicato da Edoardo Amadio il

Domenica IV di Avvento anno C

Un futuro con sempre meno sacerdoti?:

..Anche nella nostra diocesi si stanno verificando situazioni in cui non è possibile garantire sempre la celebrazione eucaristica domenicale o festiva ed il nostro Vescovo, già nel novembre 2018, ha predisposto il rito (ASSEMBLEA DOMENICALE NELLA IMPOSSIBILITÀ DELLA CELEBRAZIONE EUCARISTICA) a “guida” di un laico, in assenza del ministro ordinato.

Ora a questo scopo sarà importante non solo predisporre appositi percorsi formativi per le “guide” designate, ma anche formare la comunità al senso di questa modalità celebrativa rispetto all’Eucarestia e al precetto festivo.

Col termine Eucarestia nel greco antico si intendeva “rendimento di grazie, ringraziare” poi nel tempo si sono designati teologicamente molti significati: cena del Signore; sacrificio; frazione del pane, tutto quindi a ricordare la messa domenicale. Originalmente, nella forma più vera e pura, questa liturgia è descritta negli “Atti degli Apostoli” cap.2,42 che recita:

Erano assidui nellascoltare l’insegnamento degli apostoli e nell’unione fraterna nella frazione del pane e nelle preghiere”.

Eucarestia, quindi, è ascoltare la Parola di Dio convocati dalla fede nel Signore e poi consumare il sacramento sotto le specie del pane e del vino, la comunione, nell’unione fraterna. Anche in assenza del presbitero l’eucarestia domenicale non solo è possibile, ma è assolvere il precetto festivo. Teologicamente Dio salva convocando e noi radunati facciamo eucarestia perché l’azione di Dio che chiama non viene meno.  

Buona domenica

Categorie: Commenti domenicali

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.