Domenica 3 aprile 2022 – V Quaresima C

Pubblicato da emme il

Introduzione (dopo il canto iniziale)

Nel vangelo di oggi Gesù è messo davanti all’ennesima prova da scribi e farisei. È giusto che quella donna sorpresa in adulterio sia lapidata secondo quanto prevede la legge?

In cosa consiste la prova? Scegliere la cosa giusta davanti a un’evidente cosa ingiusta. Ma la giustizia di Gesù è radicalmente diversa dalla giustizia dei farisei. Essi vogliono quella donna morta. Gesù vuole quella donna convertita.

Oggi ci sono molti modi per lapidare quell’adultera: Sofia ha 16 anni, e ingenuamente una sera spedisce alcune sue foto intime al proprio ragazzo. Sergio le condivide in rete e in poco tempo diventano virali. La vita di Sofia è distrutta, per molto tempo riceve umiliazioni, offese e giudizi senza pietà.  Saranno la preside, la psicologa, i genitori, gli amici più cari  che con sguardo amante, aiuteranno Sofia  a guardare il suo buio e a perdonarsi, mostrandole  la luce  che c’è  in lei, perché la sua vita possa ricominciare.

Yveta vive in Italia, ha 4 passaporti ma non quello russo, eppure quando inizia la guerra in Ucraina trova un biglietto appeso alla sua porta, che in modo offensivo la invita a tornarsene in Russia.

Siamo tutti farisei quando adoriamo un Dio che comanda di uccidere.

Iniziamo questa celebrazione col desiderio di far conoscere la misericordia ad ogni nostra miseria.

Gesù le disse: “Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più”.

A questo punto segue la preghiera di colletta

Domenica 27 marzo 2022 – 4° di Quaresima C

Richiesta di perdono (dopo l’omelia)

+ Fratelli e sorelle, consapevoli che l’amore supera ogni peccato, spogliati di ogni timore, consegniamo a Dio le ferite che ci tolgono la pace:


Padre buono, quando non crediamo che tu ci perdoni prima ancora del nostro pentimento e accusiamo gli altri per sfuggire al giudizio di noi stessi.

Kyrie eleison


Quando siamo come scribi e farisei che adorano un Dio altro che non perdona, quando ci lapidiamo da soli macinando sensi di colpa e ti nascondiamo le nostre ombre.
Christe eleison


Quando ci ostiniamo nel peccato che ci ferisce e non crediamo che il tuo amore scende più in basso di ogni nostra miseria per risollevarci e guarirci.  

Kyrie eleison

+ Dio che è Padre buono ha misericordia di noi, perdona i nostri peccati e ci conduce alla vita eterna. Amen.

Si recita la professione di fede (Credo Apostolico)


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.